Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘transizione’


Banche, anziani, dimore storiche – e partiti: nodi ed opportunità della riforma fiscale

Non so se riuscirò a mettere la cura che desideravo in questo post, ma sento che l’urgenza incalza. Mi piacerebbe contribuire ad una nuova battaglia mediatica, simile a quella che abbiamo visto quando si è trattato di cambiare le regole dell’ICI per le proprietà commerciali della Chiesa, che è stata piuttosto efficace ed ha messo la politica con le spalle al muro, per constringerla ad affrontare una questione lasciata troppo comodamente in sospeso fino ad oggi. Potete leggere l’articolo de Il Giornale qui e quello di Repubblica qui. Il sollevamento dell’opinione pubblica ha fatto arrivare la questione alle orecchie della UE ed è stato determinante nella creazione di nuove e più eque regole, anche se la partita non è ancora chiusa del tutto e l’attenzione non deve calare (leggete qui l’articolo di Mario Staderini, segretario dei Radicali, sul Il Fatto). Oggi vi chiedo di provare insieme a me ad affrontare una nuova questione, alla viglilia dell’approvazione di nuove regole fiscali, in particolare quelle riguardanti l’IMU: questa scheda dell’ANSA evidenzia già due nodi secondo me assolutamente inaccettabili: le banche, col giochetto delle fondazioni, continueranno a risultare esenti dall’IMU, mentre gli anziani residenti in ospizio dovranno pagarla per le proprie abitazioni di proprietà! E’ un vecchio nodo da risolvere, una di quelle truffe legali, il cui cambiamento è alla base di un’Italia diversa e più sana. Altra questione gravissima è quella delle dimore storiche, che, come si legge in quest’articolo del Corriere della Sera, vedranno l’ICI aumentare del 600%, mettendo a repentaglio la conservazione di beni posseduti da privati, ma per i quali i proprietari si assumono l’onore e l’onere di preservare beni artistici ed architettonici, patrimonio culturale di tutta la popolazione. Qui non si tratta di fare sconti ai ricchi: prendiamo l’esempio più vicino a noi: la villa dei Cavazza sull’Isola del Garda.

Questo slideshow richiede JavaScript.

A San Felice tutti conosciamo questa famiglia e sappiamo bene quanto il paese sia loro in debito, per la politica di gestione delle loro proprietà; se San Felice e Portese sono tra i comuni più verdi del lago, è grazie al fatto che loro si sono sempre rifiutati di vendere le proprie terre (e non certo per mancanza di proposte) e svendere il patrimonio di cui godiamo tutti. A partire dal compianto padre Camillo, conosciuto da sempre come il Conte Contadino, continuando con la tenace Charlotte, che, ancora oggi, canuta e dignitosa, attraversa il lago nelle mattine di tutte le stagioni sulla sua modesta barchetta e raggiunge il maneggio per insegnare ai nostri figli a cavalcare ed a rispettare l’animale e la natura, fino ai sette figli che ha cresciuto praticamente da sola e che oggi lavorano nel campeggio, nel rimessaggio, nei campi e sull’Isola stessa, i Cavazza sono il perfetto esempio di una famiglia che ha ereditato, da nobili e ricchi avi, beni che sono tutta la loro ricchezza, il cui mantenimento in buone condizioni è essenziale per il mantenimento stesso della famiglia. Camillo riuscì, nel 1985, a far dichiarare la villa monumento nazionale e, grazie a questo ed all’apertura alle visite turistiche guidate (esperienza meravigliosa, non perdetevela!), riescono a ricevere dallo stato il 20% dei fondi necessari ai lavori di restauro – il v.e.n.t.i. per 100, mica la pentola d’oro alla fine dell’arcobaleno… I Cavazza sono d’accordo con un aumento dei sacrifici necessario oggi a tutti, capirebbero persino questa spropositata tassa, se fosse per un solo anno: già ora, visto il salasso previsto, hanno dovuto annullare lavori di restauro già in programma. Ma se si decidesse di trattare, solo ai fini del calcolo del gettito fiscale, le dimore storiche come se fossero centri commerciali, mentre in realtà esse sono legate a vincoli che impediscono, giustamente, lo sfruttamento delle proprietà (non possono ad esempio venire divise in appartamenti da affittare), come si pensa che esse possano raccogliere i fondi necessari alle enormi spese di restauro e conservazione quotidiana? Siamo pronti a vedere la villa, che impreziosisce le acque lacustri, sgretolarsi sotto i nostri occhi? E con essa tante altre proprietà “private”, cuore della ricchezza dell’Italia tutta? Siamo disposti a tacere, mentre i partiti piangono miseria, perchè senza l’ultima tranche dei “rimborsi elettorali” non riusciranno ad organizzare la prossima campagna, che riempirà di brutte facce e volgari, quanto menzogneri, proclami i muri delle nostre città e paesi? Vogliamo dare 100 milioni di euro ai partiti o chiederne 23 ai proprietari delle dimore storiche? Torno a chiedervi partecipazione e condivisione: fate girare il messaggio tra i vostri amici, aggiungete i vostri commenti e la vostra voce. Il governo Monti non piace forse a tutti, io lo ritengo il migliore da decenni, ma penso anche che sia assolutamente perfettibile e che il suo peggiore difetto sia il parlamento misero e marcio che ha ereditato. Se gli Italiani non decideranno in fretta di riprendersi l’Italia, di smettere di delegare, di lamentarsi senza agire e proporre, non ce ne andremo mai fuori, ed il destino del nostro bel paese sarà segnato anche dalla nostra ignavia. Martin Luther King disse: the greatest tragedy of this period of social transition was not the strident clamor of the bad people, but the appalling silence of the good people – la più grande tragedia di questo periodo di transizione sociale non è stato lo stridente clamore delle persone cattive, ma il disgustoso silenzio delle persone buone.

Per favore, passate parola: questi sono anche affari vostri,

Serena Uberti

Annunci

Read Full Post »


Sì, vabbè, il carro davanti ai buoi, il gatto nel sacco e tutte quelle cose lì. Ma io direi che mi accontento delle dimissioni garantite da Napolitano (non A Napolitano). E mi rassicura anche la dichiarazione a Mario Calabresi, La Stampa – il Grande Comunicatore ha scelto, simbolicamente -, nella quale dice che non si ripresenterà nemmeno alle prossime elezioni, ma candiderà Alfano. Certo, adesso c’è tutto il resto da fare, la transizione da assicurare: io ribadisco che spero in un governo pro-tempore, per cambiare perlomeno la legge elettorale, e mi incoraggia la sottolineatura di Napolitano: «Presidente», gli ha detto come a volergli ricordare insieme alle procedure istituzionali anche il suo proprio ruolo, «lei si dimette, ma per andare a consultazioni: queste sono le mie prerogative, le prerogative del Capo dello Stato», quando lui ha cercato di pilotare anche il dopo-se-stesso dicendo :«Mi dimetto per andare ad elezioni». Ma cosa mi ha colpito della giornata di ieri? Che il mondo ci ha de-berlusconizzato: noi non siamo stati capaci di farlo, ci ha dovuto pensare l’Europa, il G20, i mercati!! Il video trasmesso ieri a Ballarò di Silvio ignorato da tutti a Cannes, che si aggirava solo e forzatamente sorridente durante un intervallo delle consultazioni ufficiali, che si avvicinava a questo o quel capo di stato, solo per farsi voltare le spalle, lo ha dipinto chiaramente in tutta la sua solitudine. Solo lo spread a 500 di ieri ha potuto affossare questo governo, solo la bancarotta imminente ha convinto i fedelissimi a tradire. Quando il mondo si è reso conto che, per la legge della farfalla che sbatte le ali in Africa e provoca un uragano negli USA, l’Italia agiva oggi da ago della bilancia sui mercati mondiali, Berlusconi è finalmente apparso in tutta la sua pericolosità: non è perchè è piccolo e buffo che è inoffensivo, anzi. Forse per questo l’avevano sottovalutato. Forse per questo l’avevano lasciato fare: ma un uomo incapace, non può controllare i destini di un paese geo-politicamente importante come l’Italia, perchè finisce che sono cavoli amari per tutti. Ora le speranze sono infinitamente più delle certezze, ma resta il timore che sia troppo tardi, che questa classe politica non si sia ancora effettivamente resa conto della gravità del momento… in un Parlamento di yesmen, veline, velone e vecchi babbioni non c’è da dare nulla per scontato. E allora chiediamo a gran voce una nuova legge elettorale prima delle elezioni, perchè anche nella prossima legislatura non ci siano le stesse brutte facce di plastica decise dalle segreterie dei partiti, dai loro delfini e dalle loro trote, oppure siamo da capo. Il tempo per il sollievo dura poco, è ora di darsi da fare, di vigilare, di affermare che, se siamo stati ipnotizzati per gli ultimi 20 anni, ora l’incantesimo si è spezzato. E siamo pronti ad occuparci di noi. Ma ci voleva tanto…?

Intanto, 308 abbracci a tutti, fratelli d’Italia.

PS: se qualcuno trova online il video di Berlusconi a Cannes e l’intervento di Ferruccio De Bortoli (finalmente orgogliosamente incaz***), trasmessi a Ballarò ieri sera, li condivide con noi, per favore?

PPS: Spread a 574, rendimento dei BTP decennali oltre il 7%, altro che sollievo, l’Italia affoga, dentro il parlamento, nelle strade di paesi e città inondate, e nelle piazze affaristiche…

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: