Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘profughi’


Stavolta l’ho fatta grossa. Almeno spero. Ho lanciato una petizione su Change.org! Mai come questa volta vi chiedo di CONDIVIDERE PER FAVORE – e FIRMARE!

This time I’m aiming really high. And I better get there. I launched a petition on Change.org! This time more than ever I’m asking you to PLEASE SHARE – and SIGN!

Screen Shot 2013-10-04 at 2.49.50 AM

L’immagine l’ho rubata a Il Fatto Quotidiano – l’ho dichiarato a Change.org, ma non lo vedo scritto sulla pagina della petizione… spero non se la prenda nessuno…

I cittadini di Lampedusa hanno dimostrato anno dopo anno, sbarco dopo sbarco, naufragio dopo naufragio, di essere generosi, coraggiosi ed eminentemente Umani. Oggi, grazie alla meschina Legge Italiana, rischiano persino di venire indagati, quando accorrono in soccorso di persone in immediato pericolo di vita. Loro non lasciano solo nessuno. Non lasciamo soli i cittadini di Lampedusa: se l’Italia e l’Europa non sanno o non vogliono agire, il Premio Nobel per la Pace potrebbe fornire l’attenzione che merita il quotidiano dramma dei profughi che muoiono nelle acque del Mare Nostrum – e fornire a Lampedusa un aiuto concreto per affrontare l’emergenza, ed aiutarli ad aiutare. Il premio Nobel per la Pace per il 2013 verrà assegnato l’11 ottobre: abbiamo poco tempo, ma molta motivazione.

Grazie

Lampedusa’s citizens have demonstrated, year after year, debarkation after debarkation, shipwreck after shipwrek, that they are generous, brave and eminently Human. Today, thanks to the wretched Italian Law, they even risk to be put under investigation by the authorities, when they help people in immediate life-threatening danger. They leave no-one alone. Let’s not leave the citizens of Lampedusa alone: if Italy and Europe are unable or unwilling to help, The Nobel Peace Prize could provide the attention that the daily drama of refugees dying in the Mediterranean waters deserves – and supply Lampedusa with tangible support, help them to keep on helping. The 2013 Nobel Peace Price will be assigned on October 11th, we have little time, but lots of motivation.

Thank you

Aggiornamento: incoraggio tutti coloro che hanno un profilo Twitter a scrivere direttamente un tweet con il link completo alla petizione ai Premi Nobel per la Pace: IPCC, Al Gore, Leymah Gbowee, Ellen Johnson Sirleaf e Tawakkol Karman.

Screen Shot 2013-10-05 at 4.54.14 PM

Aggiornamento: abbiamo catturato l’attenzione del Nobel peace Center, che mi ha scritto e dato ulteriori info per meglio indirizzare le email, facendoci i migliori auguri!!!

We have caught the attention of the Nobel Peace Center, they wrote to me giving me more info on how to address our emails, while wishing us Best of luck!!

Screen Shot 2013-10-04 at 5.06.23 PM

Read Full Post »


Chissà se dopo i 250 morti in mare i nostri (s)governanti, il “popolo leghista” e tutti quei razzisti da bar che sparano crudeli stronzate (pardon my french, quanno ce vò ce vò) come se parlassero di una partita a Risiko si renderanno conto della tragedia umana che c’è dietro gli sbarchi. E non ci sono accordi last-minute (low cost?) che tengano – ma cosa contengono quegli accordi? Promesse di soldi? In cambio di altri “campi di contenimento” simili a quelli libici? Non servono le toppe in questi casi, muoversi durante un’emergenza serve come tappare il buco nella ruota della bici col chewing gum. Al Mediterraneo, all’Africa ed all’Europa servono serie politiche di collaborazione, cooperazione e sviluppo, perché i benefici siano bilaterali e duraturi – rimandare indietro i poveretti e non fare niente contro quei criminali che svendono la vita manco fosse tempo di saldi, non risolve nulla. Sembra un atroce viedogioco-reality, ricco di capitani coraggiosi che promettono casinò e colori, mentre negoziano contratti cappio (per gli uni e per gli altri) e nascondono i morti sotto il tappeto persiano. Navi, tendopoli, proteste contro, sempre contro, da qualsiasi parte si stia, strategie sgangherate e occulte, video pubblicitari e barzellette. Un gran casino rumoroso e sporco, il Made in Italy che si spoglia della seta a scoprire il piombo, il funerale della pietas, della diplomazia, della democrazia… Mentre uomini, donne e bambini muoiono e sai che al tavolo di un bar oggi due ignoranti sghignazzando si faranno l’occhiolino e si diranno “Ecco, 250 in meno! Ma scherzo, eh? Scherzo…”

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: