Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Italy’


The unrest is finally evident in the Sick Man of Europe. Italian people do have enough. They have enough of Burlesconi, enough of corrupted politics, enough of cultural economic and débacle. They could have seen it coming for quite a few years now, but hey, better late than never. Apparently I am responsible for this delay. It appears that my generation is and has been too well off to take to the streets in protest. You see, the Italian bourgeoisie has been quite extended after the economic boom of the 60’s and, as far back in time as that era may seem, its effects appear to have carried Italy and Italians up to the recent global crisis and, in spite of the first consistent cracks of countless historical, local family businesses that are spreading like an epidemic and for the first time impoverishing the upper-middle class, through it. We live in houses that belong to our family of origin or that our parents bought for us. We can still pay our bills and in case we pass a really rough patch, we can always resort to selling something – some of that patrimony that has been accumulated by generations hungrier than ours, who have lived times filled with opportunity but also with ingenuity. Some of that same stuff our dreams have been made of, but that seems now to be hindering those same dreams. We are too comfortable, the situation isn’t bad enough, why would we risk this status quo, for something possibly worse? And where would we get after the streets, anyway? So, it’s our fault. Granted. But while we are educating ourselves, traveling around the world, making the best of the chances our parents have worked towards for our benefit, italian politics have built a rampart around themselves and we are now completely incapable of denting it. It may be our fault too if the people who have been in charge of choosing, when it still was possible, put their faith – and worse, their country – in the hands of histrionic characters without any credibility, but with ample, well placed, greedily loyal cohorts. We were and are some of those people: too much and not enough at once. But can it be our fault also that the opposition to this myopic trend was sparse and confused? Can we be blamed if the people who were already all in their bureaucratic seats and were supposed to mind the Italian Republic, its Institutions and its People, were completely un prepared for this atypical democratic storm? Berlusconi has never had the absolute majority of Italians on his side, this we must remember, only the relative majority that sufficed him to seize power and hold it hostage. A somnolent, or ignorant, or gullible relative minority of Italians has chosen to give a go to the Big Brother’s version of the nation, both in the literary and mediatic sense – which in our country just so happen to correspond. So, while the show went on, the actors became its producers, the extras were kept as much at bay as possible and the public just watched, torn between incredulity (it must come to end end soon, it would simply be risible if it weren’t dramatic), hope (something must be done in this bureaucratic country, let’s just work and give it a try), cynical boredom (politics are the problem of this country, not its solution). When cracks started to appear on Italy’s perfectly made up face, more people have realised that a country cannot hold up just on foundation, card-board and spotlights. Our fatalism has come to an abrupt end. The Berlusconian revolution has failed, not itself yet, but the Nation. In fact, there has been no revolution at all. Our politics are just as grey and corrupted as ever, the cast evermore oligarchic, the system convoluted and self-reverent. But we still don’t have enough of this, we are keeping Berlusconi in power: how is that possible? This is the question that the great magazines of the world keep asking. May I ask them a question: how do we put an end to this? Could they suggest us a way? Because, honestly, we are at a loss. One of the great democratic applications of Berlusconi’s rule is that the Parties decide which candidates they bring at elections, in what are called armoured lists: the people cannot choose the names of their candidates in any way (the PD – Democratic Party of the left -still holds primaries, but their transparency is all but crystal clear), the party that gets the relative majority wins a disproportionate premium of seats – in order to be able to keep governing in the country of transformists, supposedly – so that the self appointed elite that scores 1/3 of the votes can pretend to be almighty and makes any opposition obsolete. This in a country that skizofrenically goes on governing itself as if it had political bi-polarism (but it’s more the mental disorder that comes to mind, rather than the governmental policy), when in reality is populated by a myriad of parties, to be classified in three groups: right, center and left – Ladies and Gentlemen, Italy has 3 poles, like 13 months or 8-days weeks, the things they make us believe. How do we vote out of this? The opposition still hasn’t united around a common path, let alone a leader, let alone a program. The impression is that even if in the lines of the politicians there seems to be someone who actually has the ideas, the capabilities and the following to work and get things done, they won’t be the ones heading the  above mentioned armoured lists, or they will run against one another. If they are going to come together and are able to sneak in through the cracks of this impermeable system, they should shape up and get at it soon. Yesterday, preferably. And in the meanwhile? Well, you know, our democracy (if such is still to be called) has three governmental organs (no, Papi’s isn’t one of them :-P): the Legilative one (the chambers, Parliament and Senate), the Executive one (the President of the Republic, ex-communist Giorgio Napolitano, as incredible as it may seem) and the Juridical one. They are supposed to be independent from each other and to watch over one another. Well, apparently one of these organs has something to object to the Prime Minister’s legal conduct, it has for a while, but to no avail. It has started a new inquiry into Berlusconi’s ways (concussion, favouring a minor’s prostitution, as you will no doubt be aware of, all minor felonies pertaining to his private life that no one should care about or interfere in – and to hell with the law, ethics and credibility, bunch of envious moralists!). But we are by now used to hold trials in the media rather than in tribunals (how surprising), by which practice we render the Juridical power void. Surely Berlusconi will come out of this mess yet again, maybe not gloriously, but probably not as ruinously as one would suppose looking from the outside in. I have another question: when does a democracy stop being such? When poverty is at 60% or when the people cannot participate in power, in the shared weath and responsibility any longer? Be it for corruption, bureaucratic conundrums, sheer incapacity or a combination of all the above factors and many more, how do we get out of this? As I said I believe that amongst some administrators of the opposition and, strangely enough, the majority (all be it in more exceptional cases, due to their generally knelt attitude) that have something positive to say and do to move this heavy country forward. I see hope only in these new or little heard voices (at a national level) uniting for a radical change of this res publica, public patrimony, that includes the healthiest, more energetic, more pragmatic, more motivated slice of the nation. Italians are better than the people who represent them today. They just haven’t been effective enough and we are today at the brink of a situation that goes way beyond the possibilities of an election round. We may have to wait longer for a wide opposition (both of its parts, center and left, with all their numerous declinations) to come temporarily together to change the “porcellum” electoral law (as one of its supporters called it) and then dissolve into their differences – so that through this first round our politics may cleanse themselves and try to get to the next step and actually govern the crumbling nation of Italy, if there’ll be enough time left to salvage the scraps. We have entrepreneurs, Mayors, scientists, citizens who can make the difference and transform the many failures of of our Nation in as many opportunities of change and progress – we can pay back and show that investing in us hasn’t been such a bas idea after all. I cannot believe that those heading us are still meddled in their sticky businesses and letting such a plentiful and inspiring country starve itself to civil death.

If you are out there, please spread the word.

Read Full Post »


Rieccoci al capitolo Green Economy – o piuttosto Think Green, visto che l’approccio é, per ora, ancora generale.

Le prime due puntate le potete trovare qui e qui

Credo che parlare male dell’eolico in Sicilia, perché la mafia ha messo le mani in pasta nell’affare, sia un approccio sbagliato e dannoso. Non é che la mafia abbia messo le mani in ogni singolo investimento “verde”, nemmeno in Sicilia. Sicuramente ci saranno casi nei quali questo é avvenuto: sorpresi? Macché, perché dovremmo sorprenderci? La mafia, come organizzazione effettiva o magna magna culturale, è ovunque. Nessun ambito economico o geografico ne è immune. Non mi risulta che ad oggi si sia congelata l’industria edile per tagliare le gambe alla mafia. O si sia chiuso il Parlamento (!) e lasciato il paese all’anarchia… 🙂 Seriamente, sarebbe stupido e suicida. Bisogna ovviamente conoscere e colpire in modo mirato, creare e mettere in pratica regole e garanzie per un sistema più pulito. Allo stesso modo bisogna agire nel caso dell’eolico ed é chiaro che in Sicilia il livello di guardia dev’essere ancora più alto!  La Green Economy é una realtà ancora tutta da sviluppare, i paesi che investono “verde” stanno reagendo meglio alla crisi economica globale. Non basta dire che l’eolico é in mano alla mafia, per archiviarlo definitivamente! E’ grave che persone con grande esposizione mediatica facciano cattiva pubblicità ad un nuovo sistema produttivo/economico/ambientale/sociale che é solo all’inizio del proprio sviluppo. Ne minano le già deboli possibilità di crescita in un ambiente che, più ne ha bisogno, meno ne é cosciente. Oggi ognuno di noi ha una responsabilità: quella di passare il messaggio giusto. Quella anche di informarsi quindi. Perché é indispensabile partire presto e bene per il viaggio verso un nuovo modo di vivere il pianeta, godere dei suoi doni, coltivare circoli virtuosi, ma anche fare business e fare politica, coscienti che la separazione in compartimenti stagni, I win-you-lose cara Anna ;-), non sta più funzionando: ci sono “perdite” dappertutto…

L’argomento Eolico in Sicilia mi é servito come punto di partenza e mi ha fatto scoprire molte cose. Vorrei sentire anche le vostre voci, peró, perché se non avete niente da dire, da aggiungere, da ribattere, a me, che sono una puramente curiosa ed interessata, ma certo non esperta, vuol dire che in generale siamo ignorantemente disinteressati. Ed io credo che sia grave. Comunque, vorrei ora darvi un paio di dati sullo sviluppo della green economy, partendo da Brescia, visto che ho trovato quest‘interessantissimo e brevissimo articolo. In breve, nella nostra città la Green Economy é cresciuta solo del 6.5 rispetto allo scorso anno – la media lombarda é 9.8, quindi non certo un ritmo frenetico, ma a Mantova, città leader nel settore nella nostra regione, l’aumento registrato é del 25.8. la media nazionale é del 15.5. A Brescia siamo in ritardo, lo siamo in Lombardia, ma lo siamo comunque sicuramente visto l’esempio Mantovano. Si puó e si deve fare meglio e di più. Ma la prima cosa da smouvere é l’opinione pubblica, la cultura generale intorno a questo argomento, perché questo servirà da motore e da controllo alle attività ed inattività che ci circondano.

Proprio oggi ho trovato questo articolo che spiega in modo efficace (e discorsivo, non temete!) l’impronta ecologica che ogni persona, casa, azienda, paese, città, nazione, lascia sul pianeta, attraverso la propria semplice vita quotidiana. Il pianeta produce e noi consumiamo: più aiutiamo il pianeta a produrre e proteggere le proprie risorse naturali, ma anche meno e meglio consumiamo, più potremo continuare a godere del pianeta invece di impoverirlo fino all’esaurimento. Questo ragionamento non é né filosofia, né fronzolo ecochic – é piuttosto pura convenienza. Vi riporto quasi tutti l’articolo di Claudio Messora su Il Fatto Quotidiano, già essenziale di suo e difficile da tagliare. Poi c’é tutta un’intervista che potete leggere qui o seguire in video.

A parte paternalismi e interessi personali, invito davvero tutti ad informarsi, a leggere, a capire, perché non fare niente per un mondo più verde, non é un diritto. La Libertà finisce laddove inizia quella altrui, mi diceva la mia strepitosa maestra. Le scelte individuali in materia di ambiente e sostenibilità hanno un impatto anche sugli altri, che sono anche e soprattutto i propri figli, mica solo “il prossimo”, per vicino o lontano che lo si percepisca. Per dire: non fare la raccolta differenziata (che é la base delle basi delle cavolate facili da fare!) oggi non é più una scelta, perché, sai, non ho tempo, non ho il terrazzino, non sono una fanatica come te. Oggi é colpevole. Non ce n’é tanti di giri di parole.

L’impronta ecologica? All’Italia non interessa

Ci salviamo grazie all’Africa, all’America Latina e all’Australia. Per il resto, divoriamo il mondo come le cavallette in una piantagione di mais. Il mondo è in riserva: per viaggiare, consuma più benzina di quanta non sia possibile infilarne nel serbatoio. Il vecchio adagio “Quando l’ultimo pesce sarà stato pescato, l’ultimo albero tagliato, l’ultimo fiume avvelenato […] allora l’uomo si accorgerà di non potersi mangiare il conto in banca” è sinistramente attuale, insomma.

Funziona così: i mari sono capaci di produrre un certo numero di pesci all’anno, le foreste ci mettono tot tempo a ricrescere, gli animali possono essere allevati non oltre un certo tasso di riproduzione e così via. Il Global Footprint Network mette insieme tutti i parametri e calcola la biocapacità della Terra, ovvero le potenzialità di cui il nostro pianeta dispone per produrre risorse nella finestra convenzionale di 12 mesi. A questa capacità viene associato il valore simbolico di “1 pianeta“. A livello mondiale, nel 1961 di pianeti ne consumavamo appena mezzo. La nostra impronta ecologica era leggera, lo sviluppo era sostenibile. Nella seconda metà degli anni ’80 abbiamo raggiunto il pareggio e oggi facciamo fuori un pianeta e mezzo all’anno. Secondo le previsioni più ottimistiche, entro il 2050 i nostri consumi supereranno abbondantemente la biocapacità terrestre di oltre due volte.

Prima ancora che un problema di ordine etico o morale, qui si tratta di farsi furbi. Ogni paese ha diritto a svilupparsi almeno tanto quanto ogni uomo ha diritto a vivere e crescere. Se non è sostenibile, però, lo sviluppo indiscriminato paradossalmente conduce al risultato opposto: il collasso.

Mathis Wakernagel è il signor Overshoot-Day, la triste ricorrenza che ogni anno celebra il giorno nel quale ci siamo mangiati tutto e, fino al 31 dicembre, non un solo filo d’erba prodotto dalla Terra andrà a rimpinguare le nostre dispense. Mathis ha capito che se non ci faceva un disegnino, ideando un complesso sistema di valutazione e di calcolo, non sarebbe stato facile convincerci. Così ha fondato il Global Footprint Network e gira per il mondo mostrando ad ognuno quanto produce e quanto consuma, spiegandogli che, se è in deficit, tornare in pari è soprattutto una questione di convenienza economica.

Nel 2007, a fronte di una biocapacità di 1,1, l’Italia aveva già un’impronta ecologica di 5,0, con un deficit secco di 3,9, in larga parte dovuto all’emissione di gas serra. A pari merito, in Europa, si classificano Spagna, Svizzera e Grecia, mentre peggio di noi solo l’Olanda e il Belgio. Tanto per dare qualche termine di paragone, il Canada, con le sue sconfinate distese di natura selvaggia, presenta un saldo positivo di ben 7,9, così come l’Australia, mentre agli antipodi non potevano esserci che gli Emirati Arabi Uniti, con un deficit di 9,8 punti, il Qatar (8,0) e tutti quei posti come Dubai, costruiti su terre aride e improduttive, che per mantenere i loro sontuosi stili di vita devono poggiarsi esclusivamente sulla biocapacità del resto del mondo.

Il Global Footprint Network dalle nostre parti sta lavorando a un progetto che coinvolge i paesi dell’area mediterranea. Se ne interessano la Turchia, la Giordania, la Spagna, perfino il Marocco. L’Italia no. Al nostro Ministero dell’Ambiente non interessa sapere quale sia l’impronta ecologica italiana nè quanta dispensa possiamo ancora saccheggiare prima di essere completamente dipendenti dagli altri. Ammesso che agli altri avanzi ancora qualcosa e che noi si abbiano i soldi per pagare.

La prossima volta entriamo più nel merito di cosa fanno quali e quante aziende e di come il governo aiuti od intralci lo sviluppo della Green Economy in Italia.

Read Full Post »


Good Morning Song

Gianna Nannini, Sei nell’anima

Che poi inzi con “vado punto a capo, però sparirai” non è volutamente legato al post che sto x scrivere, è una coincidenza. Per quelli che credono nelle coincidenze…

Ho imparato anche a…

Postare come si deve!! 😀 Dettaglio… Ho imparato a taggare e categorizzare! Una cosa che ho imparato da mo’ è ad essere grata e dimostrarlo. Grazie a Simona Siri e Rudy Bandiera x avermi ispirato ad iniziare questo blog. Grazie Ross x la bellissima foto, che rappresenta questo blog in modo puntuale e lo rende più bello.

x qualche giorno riporterò in prima pagina anche i primi post, x rendere chiara a tutti i nuovi visitatori la natura del blog.

I have learned to post correctly, to tag and cathegorise. Thank you to Simona Siri e Rudy Bandiera who inspired me to start blogging. BIG THANKS to Ross for the picture, this blog wouldn’t be the same without it.

For a few days I will also report the introductive posts, so that every new visitor can understand the nature of this blog.

Read Full Post »


How long till dawn?

E’ una domanda che mi faccio spesso, che sento spesso. Infatti da conta dei giorni alla fine dell’anno di leva ha oramai assunto il più generale significato di quanti alla fine di questa corvée, quanto prima che le cose vadano meglio? Quanto alla fine dell’oscurantismo? Già, perchè il mondo oggi un po’ paura la fa, forse da sempre, ma è vero che siamo la prima generazione di genitori che è praticamente sicura di lasciare ai propri figli un mondo peggiore di quello che ha trovato, invece di uno un pochino migliore… o almeno con la speranza che lo possa essere. Noi sappiamo che, almeno dal punto di vista climatico, il mondo sarà comunque più difficile, anche perchè se pure cominciassimo a diminuire le immisioni di Co2 oggi, x altri 60 anni il mondo continuerebbe a riscaldarsi, con conseguenti fenomeni metereologici sempre più intensi, migrazioni di popoli da regioni colpite verso i nostri paesi più sviluppati e ricchi, ma che sempre meno saranno in grado di gestire quantità di immigrati crescenti, etc. Non mi addentro, non ho voglia di malumore. In ogni caso l’economia sostenibile è per me l’argomento più importante oggi, quello che veramente può permetterci di limitare i danni e contribuire alla rinascita e non solo climatica, ma anche sociale e politica. Certo è che, non so voi, ma io sono molto, MOLLLTO preoccupata e come genitore a volte sono proprio terrorizzata… La politica di oggi, la gestione del potere, il menefreghismo, la maleducazione, lo sfruttamento,… – tutti elementi di un mondaccio che sta x implodere. Che fare? Stare qui a guardare? A volte la tentazione è quella, perchè tanto il senso di impotenza rispetto a questi problemi più grandi di noi è totale, specialmente visto che chi ci rappresenta e potrebbe farci qualcosa, chi il potere ce l’ha (in Italia e fuori, a destra, a sinistra, sopra e sotto), sembrerebbe fregarsene, o comunque non fare assolutamente abbastanza per fare la differenza. A volte il pessimismo ed il qualunquismo sono un’inevitabile tentazione, ma mica possiamo davvero mollare! Ed allora possiamo contare sull’unica risorsa certa: ognuno di noi. Ognuno può FARE qualcosa, nel proprio piccolo, un giorno dopo l’altro. Ognuno può credere perlomeno in se stesso, quello che banalmente si chiama “dare il proprio contributo”, perchè se sceglie di non farlo, allora non può tuonare proprio contro nessuno e può incolpare anche se stesso del degrado generale. Si può contribuire attraverso la comunicazione, l’educazione dei propri figli, tenendo alto il morale di chi gli sta vicino con una risata (magari intelligente, ma mica sempre), rompendo le OOO ai propri amici xchè facciano la raccolta differenziata, rompendole ai comuni perchè smaltiscano in modo efficiente, evitando di insultare quel pirla che ci ha rubato il posto al parcheggio, tenendosi informati, cercando di giudicare obiettivamente quale informazione è la più onesta e completa e quale solo distrazione, passando parola (Guardate il TG di Mentana alle 19.55 su La7), … E poi? Che altro possiamo fare? Ditemelo voi – l’alba siamo noi.

What do I mean by “We are the sunrise” ? Quite simply that if you feel that today we are living a new sort of dark age, if you are worried about the future, if you agree that something needs to be done, if you refuse to let pessimism paralyse you… Well, you can contribute to a new dawn, better yet you must do it, or you will lose any right to complaining, you will be part of what makes this world such a difficult place. Yes, it’s impossible not to feel overwhelmed by a sense of powerlessness sometimes, yes, our individual contributions seem so little compared to what people who really have the power do or don’t do. But, are we really just going to sit and watch? What can we do? We can help by communicating, educating our children, recycling, making sure we keep an eye on how our local administration is attentive or not to sustainability, by making our friends laugh (sometimes in a smart way, but there’s no harm at all in a healthy, silly laugh!), avoiding to pick fights with impolite morons around us, keeping informed, being objective about what information and what media is the most complete, and spreading the word about the good stuff… How else? Let me know – WE ARE the sunrise (well, it just sounds better to me than we are the dawn…:-))

Pretty Pleased

Well, good morning!

Mica male, 101 visite in 2 giorni. Adesso però cominciate a commentare e contribuire! Intanto, musichina del buongiorno. L’idea è di metterne una ogni giorno, che accompagni ed incoraggi un buon risveglio (senza doppi sensi, ma l’alba siamo noi! ;-). Oggi è la mia canzone preferita.

So, 101 views in 2 days is not a bad start. Now you start leaving comments and contributing! In the meanwhile, my good morning song. The idea is to post one every morning, to encourage a good awakening (no pun intended, but WE ARE the sunrise… 😉 . Today is my all times favourite.

http://www.youtube.com/watch?v=USFr5VeLQ2o

Hello world!

From: About me & this Blog

Writing is my bad habit. My excuse and hope is communicating. I believe communication will save the world. I am obviously an idealist, a couch pasionaria. A friend once said about me that I have roots in the sky – I like it and hope it’s true. I am the mother of the 2 most gorgeous little girls ever and I have been married for 10 years to a handsome, fussy, joyful man – a funny dreamer with an ususpectable temper! We live on the shores of marvellous Lake Garda, Italy. It’s less idyllic than it sounds, but it suits me. I am temporarily unemployed – I am looking for work in case I don’t make it as a rich and famous blogger. I have an opinion about everything and I always think it’s the ultimate truth, until I stumble upon someone else’s truth, and that makes me think, learn and grow. In this blog you will find points of view, impressions, reflections, ideas and connections to ideas better than mines – but also random thoughts and rants, better clarify that right from the start. I am not gifted for concision, but I try. There. I am here to stumble.

Scrivo per vizio. La mia scusante e speranza è comunicare. Credo che la comunicazione salverà il mondo. Ovviamente sono un’idealista, una pasionaria da poltrona. Un amico una volta disse di me che ho radici nel cielo – mi piace e spero sia vero. Sono la mamma delle 2 bambine più belle della storia e sono sposata da 10 anni con un uomo bello, pignolo, gioioso – un buffo sognatore con un insospettabile caratteraccio! Viviamo sulle sponde del meraviglioso Lago di Garda. E’ meno idilliaco di quel che sembri, ma mi si addice. Sono temporaneamente disoccupata – cerco lavoro in caso non mi riesca di diventare una blogger ricca e famosa. Ho un’opinione su tutto e credo sempre sia la verità assoluta, finchè non inciampo nell’opinione di qualcun altro, che mi fa pensare, imparare e crescere. In questo blog troverete punti di vista, impressioni, riflessioni, idee e rimandi ad idee più interessanti delle mie – ma anche sfuriate e pensieri sparsi, tanto vale ammetterlo subito. Non ho il dono della sintesi, ma mi applico. Ecco. Sono qui per inciampare.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: