Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘my stuff’ Category


How do you get over the death of a friend? How do you get on with life, when she can’t? How do you write above a eulogy post without feeling disrespectful? The answer to the first question is: you don’t, you just never do. You need to learn to live with it. Period. The answer to the second and third questions is: you do, you just do. And again you need to learn to live with it. In my case it’ helpful that my friend learned to live with herself: it would seem obvious, but it isn’t. Many, possibly most of us, go on with life, as it’s supposed to be. Supposed by whom? Oh, by parents, teachers, society, rules, supposed unshakable truths, principles of virtue, measures of success. My good friend Claudia didn’t do that: she learned the hard way to get to know herself, she explored her own nature, she stumbled, made mistakes, finally got it right, but most of all, she enjoyed each step of the way. She had no regrets, she treasured each person she met in the diverse applications of her faceted personality, she kept close to each of us, each in the particular way that was true and appropriate to the combination of our own natures. No doubt she struggled in recognising the negative people she came across, but in the end those were but a tiny minority, and her pure and positive self overcame them, as one does with a dark hole in the ground: peeked into it and recognised that that darkness didn’t belong to her, reinforced her in her luminous essence, and moved on. We would have liked to follow her journey for a much longer time… In fact, we assumed she would always be there, always here for us, wherever she’d be. And we must choose to keep thinking that way. For my part, I still feel her close to me: when I cry for her, she is there, calling my name, with a smile in her voice, as if to affirm that she understands my tears, but doesn’t need them. Although we’d much rather have her near in a much more prosaic way, we must learn to deal with the loss of her by tearing down our own prosaic limits. We feel she supports us in our struggles and waits for us on the other side of each lesson we learn, we finally face. And if that will never bring her back to us, at the same time it allows us not to lose her all together. If all of this seems plain common sense, I believe that common sense is what escapes us most in the crazy world we live in, and what gives it meaning is the actual practicing of it day by day. We promise to try, through the unavoidable tears and fears, and we are that bit much stronger thanks to the support of her ever-present example and energy. Soon we will be able to look at the beautiful nature she loved, without regretting that she won’t see it, that she isn’t next to us to enjoy it. For she does and she is. That’s the only way we can cope. That’s the only way we can truly cherish her life and her joy. No, we will never stop missing her, and yes, we will keep on living, for that is the law of Nature, of hers and ours. And she knew that, she accepted that, she honoured that, and, ultimately, she loved that.

Annunci

Read Full Post »


Add New Post. Blank. It happened already quite a few times lately. Read the newspaper to grasp an idea. I might. But today it doesn’t seem to work. Pouring rain outside – finally. Sounds of wind shaking the trees and water dotting the terrace frantically. Hail, even! Must say I don’t mind it at all, goes with the mood: not necessarily for the cold grayness of it all, rather for the coziness inside the house, that is heightened by the storm – as well as the restoring freshness of the water, as the garden, the dirt… the mouth, the throat, the skin, the whole earthly body is thirsty. The mind and the heart too, actually. So, there. One of those days. For some reason, unknown to my own self, writing helps. Writing in English helps even more, but for the life of me I wouldn’t be able to tell you why. So, here I am, writing in English, while the storm rages outside, and the screen isn’t blank anymore, I did end up writing something – not so sure it’s blog-worthy, not so sure it could be interesting for anybody to read, or for me to publish, for that matter. But I do need to put out stuff, feeling sterile is just the worst. What is this, an insight into a writer’s blocked blogger? A psychotherapeutic session? A confession? Just rambling? Well, I did tell you there would be some of that too in these pages. To top it all today’s Father’s Day. Not that my dad and I ever did anything special on this day, wishes and a token, when I was around to give him one, were all. But today there’s no point in picking up the phone and dialling that number that I just won’t delete from the contacts – why would anyone? I guess most of us go around with cell phones in which there is at least one number of someone who is just out of reach by now. Ghost phone numbers. Well, deleting them seems such a harsh little gesture. Keeping them could be meaningless, possibly, but still. As a friend told me today: “Shit: one learns to swim through that too”. I’m sure I will. Bof, sure might be to big a word at times, but let’s say I am pretty confident. Yeah that’s better. So, here’s what the chef is cooking today, it ain’t much, but it’s genuine. And out of the kitchen it goes. Reception doesn’t much concern me, unfortunately, at the moment it’s more about putting out than anything else. But maybe, just maybe, someone will read and feel less alone, that would be good of course – only that’s not the main objective, is all I’m saying. What am I saying? Oh, let’s not start it all over. Blue is only one colour in the rainbow… It’s great to have all the others at hand, but still, you can’t do without blue. It could even be a good thing. Well, the storm is over already and the sun is back – outside, that is. I’ll be seeing you soon enough. Take good care, will you?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Read Full Post »


Non decido con leggerezza di pubblicare queste parole, ma alla fine lo faccio. E’ strano, anche per la così poca distanza dal racconto della storia dell’incontro con mio marito… anche questa è in qualche modo una lettera d’amore, all’altro uomo della mia vita. Anche se sua moglie ed io abbiamo certo tenuto per noi i ricordi più intimi, abbiamo voluto salutare papà come pensavamo meritasse: scriverla mi è stato d’aiuto, leggerla invece un po’ più difficile, ma sono contenta di averlo fatto (grazie Giancarlo per l’esempio, a suo tempo, ti ho pensato tanto). Qualcuno mi ha chiesto a chi fare un’offerta (non fiori, ma opere di bene): sicuramente all’AIL o alla Domus Salutis, il cui Hospice ha accompagnato sia papà che noi in questo momento cruciale della vita.

Patrizia ed io vogliamo ringraziare papa’ per tante cose, ma in questo momento una di quelle che ci restano piu’ nel cuore e’ il senso di protezione che ci ha sempre dato: non parlo solo della sicurezza di avere accanto un uomo che si occupa di te in cio’ che è materiale – e che comunque e’ una tranquillità importante – ma del suo modo di occuparsi di noi e della famiglia, tutta, quella prossima, quella allargata e quella elettiva degli amici piu’ cari. Se e’ vero che era un padrino, un decisionista, un uomo che con la sua determinazione poteva spaventare chi queste caratteristiche non le possedeva, e’ vero anche che proprio questo lo ha reso una figura di riferimento insostituibile per noi e per tante altre persone. Ha saputo guidare con attenzione ed intelligenza un gruppo famigliare che si e’ formato e stretto intorno a lui. E’ riuscito a proteggerci anche dalla sua stessa malattia, minimizzando, rispondendo sempre alla domanda “come stai?” con uno squillante “benissimo!”. Era un uomo che viveva con passione ed intensita’, senza risparmiarsi, esagerando magari, aggredendo ogni momento: di lui possiamo sicuramente dire che anche se non ha vissuto a lungo quanto avremmo voluto, ha vissuto TANTO. Possiamo dire anche che era soddisfatto della sua vita, non aveva alcun rimpianto e credo siano poche le persone che possono dire altrettanto. Qualche rimorso, ma la sua generosita’ gli ha permesso di colmare alcune lacune, riparare errori, con grande senso di responsabilita’, ammettendo i propri sbagli con schiettezza, senza fare sconti a se stesso. Una delle tante cose che di lui, nel percorso insieme, piu’ ci ha colpito e’ stata la forza che ha saputo trovare anche nei momenti difficili: uomini che hanno vissuto a 1000 all’ora, raramente riescono ad accettare i limiti che ad un certo punto la vita puo’ imporre. Anche con un motore manomesso, che non gli permetteva di accelerare nonostante lui spingesse sul pedale a tutta birra, lui non ha perso troppo tempo a rammaricarsi per cio’ che non poteva piu’ fare, ma ha trovato la gioia delle piccole cose, apprezzando i momenti piu’ semplici: la famiglia, i baci delle nipotine, le chiacchiere con gli amici, il buon cibo, la sua casa, il lago. Quante volte lo abbiamo paragonato ad un leone, ma questo leone non si e’ lasciato frenare neppure dalla gabbia – i dispiaceri che sicuramente avra’ avuto per cio’ che non poteva piu’ fare, non li ha mai lasciati trasparire, i timori per le ulteriori privazioni che sapeva a venire, ce li ha risparmiati. A volte il dolore e la frustrazione sfociavano nella rabbia, il suo carattere impetuoso non era certo facile, ma facile era per noi perdonarlo, conscie del suo travaglio. E poi per Sandro Uberti le sfuriate erano un segno d’affetto: piu’ ti voleva bene e piu’ se la prendeva con te, se capiva che tu non capivi. E cosi’ come alzava la voce, altrettanto facilmente ti veniva a cercare, ti coinvolgeva, te la raccontava. Ci mancheranno le sue sfuriate e ci manchera’ la sua presenza impossibile da ignorare, ma la struttura portante che ha saputo creare, quella ci sara’ sempre, e’ dentro di noi grazie al suo insegnamento, inconsapevole e non cattedratico, attraverso l’esempio. Ci ha trasmesso il godimento della vita come valore, come celebrazione della vita stessa, considerando le opportunita’ non colte l’unico vero errore. E perdonatemi se indugio proprio sulle opportunità non colte, ma spero che possa servire a lasciarne qualcuna in meno, in futuro. In questi anni mi è stato spesso detto: “Dammi notizie di papà, io non vado a trovarlo perchè un uomo così non accetterà certo volentieri di farsi vedere sofferente… è importante che gli rimanga la dignità”. Purtroppo spesso non ho avuto il coraggio di rispondere come avrei voluto e dovuto, lo faccio ora: chi è malato ha solo voglia di distrarsi, di divertirsi – le cose più importanti sono la compagnia e gli affetti. La sofferenza non implica alcuna mancanza di dignità, anzi. La malattia non è e non deve essere vergogna, sicuramente non lo era per mio padre. Chiudo con due delle tante cose che mi sono state dette su papà in questi giorni: suo fratello Lelio mi ha detto che se c’era una cosa che si poteva imputare a Sandro era forse il protagonismo, ma si è anche affrettato ad aggiungere: ma lui non voleva fare il protagonista, lui ERA il protagonista. E nel bene e nel male, come un parafulmine prendeva su di sè le conseguenze. La mia amica Jlenia, che l’aiutava con massaggi e fisioterapia, mi ha scritto: uomo straordinario, d’altri tempi e modernissimo. bello, divertente, dissacrante e devoto… fragile e fortissimo. E’ bello vedere mio padre attraverso altri occhi e dare un nome alle tante sfumature della sua personalità. La storia di Sandro Uberti è ricca, anche a giudicare dalla quantità di persone che sono qui oggi, e mi fa piacere che possa continuare a farci compagnia.

Read Full Post »


There are days when you need an insipring little push to just get on, then there are days when you simply enjoy a colourful piece of poetry. So, this is what it is:

Thank you to my good, loyal and fun friend Clau, who sent me this, because we both needed it and we both could simply just enjoy it. I hope you will too. xxx

Read Full Post »


Il computer è acceso, ma stavolta è solo per regalarci musiche e suoni, scambiare canzoni, regalarle agli amici, condividere, buttare fili invisibili tra una cultura e l’altra, un background e l’altro. E piacevolmente si chiacchiera, al suono di questa o di un’altra canzone – a volte qualcuno si alza e scrive un nome o qualche parola sulla tastiera, poi torna, racconta cosa ci fa ascoltare, o anche no, si versa un altro bicchierino di grappa o di liquore fatto da mammà, si appoggia mollemente allo schianale, guarda il lago o il cielo e tutto al mondo sembra andare bene, per un minuto, un’ora, una sera…

Read Full Post »

Comunicazione di ser-vizio


Stallo: sospensione dell’attività, nel tempo e nello spazio, dalla conclusione imprevedibile.

Read Full Post »


in realta’ per me si e’ trattato di un martedi’ inaspettato, ma tant’e’! Il bagnino super atletico ci dice Che il ristorantino Che cerchiamo si trova a 5 minutiae di cammino lungi la spiaggia e noi ci avviamo sotto il sole di mezzogiorno convinte di superare il promontorio e trovarcelo la’. Noi in questo caso consistent in due mamma e 3 figli, dai 3 ai 6 anni. Purtroppo oltre la punta si present a a noi una serie di baretti, resort e ristorantini Che puntualmente non esibiscono insegna sulla spiaggia – dopo 20 minutiae di camminata Sulla battigia, sprofondando fino alle caboclos ad ogni pas so, il nostro obiettivo pare ancora irraggiungibile, soprattutto perche’ pare non lo conosca nessuno… Viene il dubbio Che sia quella costruzione la’ in fondo all a. Spiaggia… Invece dopo un ulteriore, ma sopportabile sforzo raggiungiamo l’ombreggiata meta! Il posto sembra uscire dalla nostra lista dei desideri, per atmosfera, accoglienza e cibo. Tutte le nostrae fatiche sono ampiamente ripagate, e tra una sangria, UNO spaghetto al nero di seppia Ed un frutto di paranza, all’ombra Della pergola sfacciatamente apart sul mare turchese, chiacchieriamo piacevolmente coi proprietario, mentor suona questa canzone. Dalla Calabria tutto bene, l’i-pad fa assured correzioni ad un test Che non riesco a vedere, ma la cosa al moment import a poco… Mentre scrivo la batteria langue, ma la Luna troneggia sul mare Nero Ed argento Ed e’ Ora di raggiungere la Mia cameretta Ed il mio libro. A presto x

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: